Thu. Jul 7th, 2022

Non c’è carenza di assistenti digitali in questo periodo, da Siri di Apple a Cortana e Google Now di Microsoft.
Il mondo ha bisogno di un altro gigante tecnologico in grado di costruire il proprio?
Per quanto riguarda Sony, la risposta a questa domanda è un sonoro ‘sì’ – ed è andata un ulteriore passo avanti con la creazione di un nuovo hardware per utilizzare il suo assistente nel modo più semplice possibile.

sony-xperia-ear-660x250

Al MWC di Barcellona insieme con i suoi nuovi smartphone di fascia medio e alta Sony ha presentato Xperia ear, un nuovo auricolare Bluetooth simile al Moto – che agisce come un companion da collegare al proprio smartphone.

Il dispositivo è piccolo, ma si aggancia bene all’orecchio ed è estremamente leggero, con una qualità costruttiva abbastanza solida.
Il nuovo device Sony sembra anche abbastanza confortevole, grazie all’inserto in silicone morbido, ma bisogna comunque tener presente che verrà indossato per ore durante la giornata.

Sony dice che ci si può aspettare poco più di tre giorni di standby con una carica ma per raggiungere questo obiettivo, l’auricolare dovrà essere in uso minimo durante quel periodo.
Il dispositivo avrà invece una durata di circa quattro ore di tempo in conversazione.

Per iniziare l’interazione con l’assistente, è sufficiente toccare un pulsante sul lato del ricevitore, ascoltare l’indicazione audio, e quindi pronunciare il comando.
Dopo un momento, l’assistente risponderà con (si spera) una risposta adeguata.

L’assistente può anche aiutare con le direzioni: con il GPS abilitato sul portatile, è possibile toccare l’auricolare e chiedere indicazioni per una destinazione a piedi o in un veicolo, e si otterrà un percorso passo dopo passo attraverso l’integrazione con Google Now e Maps.

Non è del tutto chiaro come la soluzione di Sony sarà funzionalmente superiore rispetto all’utilizzo di qualsiasi altro Bluetooth o auricolare con cavo collegato al telefono ed in questo senso Sony ha affermato di aver già ottenuto un ampio supporto di riconoscimento vocale in otto lingue, tra cui inglese, spagnolo e francese, tra gli altri, per l’ampliamento dell’ Xperia Ear in ambiti diversi dalla navigazione come ad esempio la traduzione simultanea.

Leave a Reply

Your email address will not be published.